Giancarlo Loquenzi e La sabbia di Léman

La sabbia di leman PIATTO

 

 

Non sono un esperto di letteratura ma sono, si potrebbe dire, un esperto della letteratura di Carmine Sorrentino.

Per amicizia e per passione ho letto (credo) tutti i suoi libri, alcuni li ho presentati in pubblico, cercando ogni volta di raccontare l’effetto che avevano su di me.

Alla fine posso trarre qualche considerazione generale sul suo modo di scrivere oltre a trovare alcune costanti nella sua attitudine creativa.

Dal suo ultimo libro, La sabbia di Léman, infatti, ho potuto consolidare un po’ di impressioni sparse tratte dal mio mestiere di lettore sorrentiniano. Intanto la scrittura: in superficie sembra il frutto di una ossessione. Una modalità flaubertiana tesa alla ricerca della “mot just”, della parola perfetta, quella che come una tessera di puzzle, una e sola, calza perfettamente nello spazio della frase.

(…)

Leggi tutto l’articolo

Vai al libro