In offerta!
Saggistica

Il virus e il poeta

Nel pieno dell’epidemia di colera che travolge Roma tra il 1835 e il 1836, Giuseppe Gioachino Belli scrive 35 sonetti e li riunisce sotto il provocatorio titolo di Er còllera mòribbus. È l’affresco di un’intera epoca, quella del grande contagio che – come nel 2020 – coinvolse migliaia di persone in tutta Europa, e non solo. In questi scritti il Belli forgia un vero e proprio specchio del popolo del suo tempo: paure, superstizioni, santoni e untori si riflettono in quei versi che sembrano fioriti direttamente dal cuore del popolo romano. Raul Mordenti è tornato durante il lockdown al Còllera mòribbus e ha scoperto che, a quasi due secoli di distanza, funziona ancora come lente ideale per rileggere gli atteggiamenti di Confindustria, le dichiarazioni dei governatori di Regione, i moniti degli “esperti” e le soluzioni dei politici messi davanti a un male imprevisto, e sconosciuto.

10,00 9,50

Quantità
Autore Mordenti Raul
Dimensioni 11,5x18 cm
Pagine 132
ISBN 979-12-59630-41-4
Non ci sono recensioni disponibili