In offerta!
Saggistica

Il rifiuto del lavoro

Il rifiuto del lavoro salariato è un’affermazione dei bisogni radicali di libertà, di piacere, di esperienza ed è comprensione del carattere universale della rivendicazione di libertà dal lavoro di cui era portatrice la classe operaia di fabbrica e, pertanto, è un’implicita violazione delle regole produttive stabilite dal capitale e dalla mediazione sindacale. È il rifiuto più o meno organizzato dell’obbligo di produrre plusvalore.

14,00 11,90

Quantità
Autore Ovidi Ottone
Dimensioni 13,5×21 cm
Pagine 144
ISBN 978-88-97236-95-5

Sinistrainrete.info - 8/01/2016